Torta di riso e caramello profumata agli agrumi: rivisitazione di un classico bolognese.


La terra in cui vivo è ospite cordiale da molti anni e di lei, nel tempo, ho imparato a conoscere le persone, gli usi, i costumi e anche le tradizioni culinarie, che sono entrate a far parte del mio repertorio gastronomico, da protagoniste.
Vivere lontano dalla mia terra d’origine - ma non dalle sue tradizioni, trasmesse, con amore, dalla mia famiglia - è stato, per me, come viaggiare da turista attento, attraverso una cultura sconosciuta: osservatore diffidente prima, attore curioso e aperto poi.
Questo ha fatto di me una persona attenta alle diversità, che sa coglierle, apprezzarle, e metabolizzarle.
Ma io resto, orgogliosamente, una meridionale emigrata al Nord; una campana trapiantata in Emilia- Romagna;  una beneventana che, dall’età di 8anni, vive in provincia di Modena e, da quasi 10anni, lavora* a Bologna o nella sua provincia.
Nonostante il tempo però, ci sono cose che continuo a non capire! Una di queste è la torta di riso!!! Non saprei come dirlo diversamente… Non la capisco! Non ne capisco il sapore!
Ma è un grande classico della tradizione bolognese e ha origini antichissime.
La ricetta originale è depositata presso Camera di Commercio dell'Accademia Italiana della Cucina, e prima o poi la proverò e racconterò la sua storia, ma...
Quella di seguito è la profumatissima variante dello Chef Laura Ravaioli!



TORTA DI RISO & CARAMELLO PROFUMATA AGLI AGRUMI (ricetta di Laura Ravaioli)

Ingredienti:
1 l di latte

200 g di riso tipo originario o comune 
50 g di burro 
150 g di zucchero
2 uova intere
2 tuorli
2 arance, la scorza grattugiata
2 limoni, la scorza grattugiata (o se preferite un gusto più esotico 2 lime)
1 pizzico abbondante di sale
250 g di zucchero per il caramello
qualche goccia di limone

Mettete il latte in un casseruola con lo zucchero e portate ad ebollizione sempre mescolando. Aggiungete il sale, il burro ed il riso. Mescolate bene, abbassate la fiamma e lasciate cuocere fino a che il latte non si sarà completamente assorbito. Lasciate raffreddare la crema di riso prima di unire le uova e le scorza degli agrumi, poi amalgamate bene il tutto. Intanto, in un pentolino di rame non stagnato, mettete lo zucchero, il succo di limone, bagnate con ½ bicchiere di acqua e lasciate cuocere fino ad ottenere un caramello biondo dorato, versatelo in uno stampo per torte quadrato, da 22 cm di lato e, facendo molta attenzione, ruotatelo in modo che il caramello lo rivesta completamente. Lasciate raffreddare il caramello prima di versare il composto di riso.
Cuocete la torta in forno caldo a 180° per circa 30 minuti.

Lasciate raffreddare la torta per qualche minuto prima di sformarla sul piatto di portata.
Fate attenzione a che il caramello non si raffreddi troppo altimenti la torta rischia di rompersi quando la girate.
Nel caso in cui si sia raffreddato troppo, scaldate il fondo dello stampo sulla fiamma del fornello per fluidificare di nuovo il rivestimento di caramello.
*“LAVORA”, da qualche tempo, è un parolone! Si perché sono cassa (DIS)integrata – come dico io!- in attesa di mobilità, alla ricerca di lavoro e di una nuova strada...
Il problema è che, come diceva il Grande Massimo Troisi, in un famoso sketch:
“… solo lavoro non se ne trova, sempre co’ n’ata parola vicina addà sta???”

Come? Non ho capito bene? ...M’era parso d’aver sentito… No, ma forse ho capito male…
EH??? CRISI??? Allora ho capito bene! Quale CRISI??? Chi ha parlato di CRISI??? Non vi permetto…!!!
JJJ

10 commenti:

Elisabetta ha detto...

Ciao, ho fatto la tua torta, buona di facile preparazione e si presenta bene,attendo altre ricette...ciao un abbraccio e buona domenica!!!!!

Anto Incantesimo Culinario ha detto...

Wow, che bello! Mi fa piacere che la ricetta sia stata di tuo gradimento! Alla prossima! Un abbraccione! ;)

Anonimo ha detto...

So che è un po' prestino...ma perchè non inizi a darci qualche ricetta per Pasqua? Tradizione, innovazione...vedi tu! Approfitto di te, mi sembri bravissima e ho fatto la torta di riso...da leccarsi i baffi!

Anto Incantesimo Culinario ha detto...

Grazie mille per i tuoi apprezzamenti! Le ricette pasquali sono certamente in programma nei prossimi post, continua a seguirmi!!!
Un abbraccio!

PS. Se nn possiedi un account, la prossima volta, firmati!!!

rossorosso ha detto...

Sono riuscita a mettere "Incantesi" tra i blog che seguo.....Ci sono riuscita, evviva, evviva! Guardare per credere. Un grosso grosso SMACKKONE !

Anto Incantesimo Culinario ha detto...

Anche tu vedi solo INCANTESI??? Uffa, è INCANTESIMO CULINARIO... Correggilo! io intanto cerco di capire perchè...
Grazie Cara, intanto e a prestissimo!

marifra79 ha detto...

Non credevo che la torta di riso fosse un classico della tradizione bolognese! Mi dico sempre di doverla provare ma poi rimando sempre... la tua ha davvero un ottimo aspetto! Un abbraccio e buonissima giornata

Anto Incantesimo Culinario ha detto...

Provala! E' veramente profumatissima!!!
Buon Appetito!!! :-)

giorgio ha detto...

Ragazzi ho assaggiato la sua pastiera nappoletana. Davvero ottima. E poi presentata in maniera semplicente deliziosa.
Complimenti Anto!!!!

Antonella di Sissi in cucina ha detto...

Che meraviglia!
Grazie!
Ciao!