Struffoli Napoletani e Buone Feste!


So bene che questa non rappresenta una novità, nemmeno per il mio blog. Una versione di questo dolce – forse il più diffuso e noto della tradizione pasticcera natalizia napoletana - è infatti già pubblicata qui; ma questa volta ho voluto onorare la tradizione, utilizzando le indicazioni della mia nonna Napoletana DOC! Me l’ero ripromesso a febbraio, quando frugando tra i ritagli e gli appunti scritti di suo pugno, avevo trovato la sua ricetta, degli struffoli!


Purtroppo c’era solo l’ impasto…
Per il “condimento” (se così lo si può definire!), mi sono dovuta arrangiare con le mie conoscenze di pasticceria, qualche libro di ricette tipiche e un ricordo sfocato, per cercare di riprodurre lo stesso effetto di quella cascata di palline dorate e morbidamente compatte.
Credo sia proprio così che le tradizioni si trasmettano, di persona in persona, di cucina in cucina, da una tavola all’altra, all’interno di una famiglia, modificandosi un po’, ad ogni passaggio. 
E in ognuno di questi, qualcosa si perde per strada; ognuno di questi si pasce del personale contributo di chi si trova a colmare quella lacuna.

Alla fine, nel contemplare l’opera terminata, nel sentire quello stesso dolce sapore, e vedendo la commozione negli occhi di chi con te, come te e più di te ha vissuto quegli istanti ormai lontani, sai di aver colto nel segno. E ti sembra che, seduta alla tavola di Natale, o su e giù dalla cucina alla sala da pranzo, ci sia anche chi non c’è più…

Buone Feste!


STRUFFOLI NAPOLETANI
Ingredienti:
1kg di farina "00"
6 uova
200g di burro
1 cucchiaino di lievito chimico per dolci
1 bicchierino di liquore Strega Alberti
olio o strutto per friggere
miele
buccia d'arancia
confettini argento
confettini colorati
1 bicchierino di Strega
Miscelare gli ingredienti, fino ad ottenere un'impasto omogeneo, simile a quello della sfoglia ma più grasso. Lasciar riposare l'impasto per circa 30', in frigorifero.
Terminato il riposo, formare con la pasta dei filoni di circa 1cm di diametro e 10cm di lunghezza e tagliare degli "gnocchetti" di circa 1cm, cercando di usare la minore quantità di farina possibile: in questo modo sarà più semplice friggerli, evitando una schiuma abbondante.
Scaldate l'olio o lo strutto e friggete gli struffoli, finchè non saranno dorati.
Scolateli su carta paglia o carta assorbente.
Quando si saranno raffreddati potrete comporli.
In una pentolina, fate scaldare il miele aromatizzato con lo Strega e la buccia di un'arancia non trattata, grattugiata. Versatevi dentro gli struffoli e fate insaporire bene, senza portare il miele a temperatura troppo elevata. Appena esso, infatti, comincerà a far schiuma, sarà ora di toglierlo dal fuoco.
Fate intiepidire e, ancora caldi, versate gli struffoli su di un piatto, formando una montagnola o attorno ad un bicchiere che avrete sistemato al centro del piatto di portata.
Metteteli a raffreddare sul davanzale della finestra.
Serviteli a temperatura ambiente.

Nessun commento: